Filtra le notizie di tuo interesse

Gianfranco Benzoni è un nostro collega appassionato di viaggi – più avventure che viaggi – nel Grande Oriente, Cina , India e Pakistan. Appassionato dei viaggi, lo è altrettanto come fotoamatore. ciò ci consente di ammirare immagini di territori sconosciuti. CI presenta, ora, con un breve testo di commento, la sua ultima avventura in Kazakistan, che – io per primo- non sapevo esattamente dove si collocasse sulla faccia dell’Asia Orientale (sebbene la società per cui lavoravo avesse da quelle parti un impianto produttivo).
Benzoni ci narra e i mostra:
“Mangistau, nome sconosciuto che rimanda alle Orde Mongole, oggi territorio kazaco. Terra senza fine su prati stepposi che la pioggia colora di un verde pallido. Steli erbosi che cavalli e cammelli brucano vagando in piena libertà. Ecco che la natura sorprende aprendo panorami lunari che il turista abbagliato percorre su sterrati sconnessi passando di stupore in stupore. Più di 1000 km, sette giorni di meraviglie che nascondono le storie delle ere geologiche del mondo”.
GG

continua la lettura:

VIAGGIO_NEL_MANGYSTAU-compresso

Foto_Viaggio_nel_Mangystau-compresso


Condividi:

E’ un esercizio molto interessante! Far analizzare il Decreto del Gogerno per regolamentare l’uso della IA, da una IA Generativa per trovare eventuali criticità,

Il risultato è pregevole perchè le criticità riscontrate sono sottili ed hanno la caratteristica di essere molto equilibrate fra i rischi da evitare ed i risultati da favorire……

Ne consigliamo una lettura tipologica, cioè principalmente con l’obiettivo di apprezzare l’efficacia dello strumento ed al contempo di approfondire gli aspetti nei quali siamo coinvolti più da vicino.

Ad abundantiam, ci siamo fatti aiutare dalla IA per creare una immagine di copertina chiedendogli di rappresentare la IA che analizza il decreto sulla IA.

Livio Izzo

continua la lettura:

https://www.ingenio-web.it/articoli/intelligenza-artificiale-e-legislativa-un-dialogo-generativo/
IA_Decreto

Condividi:

Fin qui siamo andati “a naso” ma finalmente cominciano le ricerche approfondite e scientifiche sull’impatto della IA nel mondo del lavoro.

Qui alleghiamo la recensione di BitMAT ad una ricerca di ManpowerGroup-EY-Sanoma.

Alcuni estratti:

  1. Entro il 2030 cambierà il mercato del lavoro per 8 professioni su 10;
  2. La domanda di lavoro in Italia rimarrà in crescita per il resto del decennio;
  3. Aumenterà la domanda di professioni tecniche ad alta qualifica;
  4. La domanda calerà per i gruppi professionali a qualifica più bassa, in particolare a chi gestisce dati;
  5. Alle professioni tecniche sarà chiesto di aumentare la varietà di competenze possedute;
  6. Aumenterà la domanda di competenze trasversali sulla sostenibilità e, più in generale, nei campi ESG.

Ma il report è ricco di previsioni molto particolareggiate che ti invitiamo a leggere.

Ing. Livio Izzo

Membro del cdr

continua la lettura:

IA_e_Professionisti

Condividi:

L’articolo “Il ponte sullo Stretto di Messina e dintorni”, trae spunto, senza entrare in dettagli squisitamente tecnici, sia da alcune opere che sono state realizzate nella seconda metà del secolo scorso sia dal Ponte, su ci si è molto dibattuto e si batterà in futuro.

Legato ad esperienze personali, è una lettura interessante per conoscere come episodi, seppur marginali, possano alleviare piacevolmente l’assorbente routine della quotidiana attività professionale-

Anna Manzoni

continua la lettura:

IL_PONTE_SULLO_STRETTO_E_DINTORNI

Condividi:

Un primo excursus sulla normativa nazionale ed europea evidenzia le diversità di approccio alla materia in Italia e all’estero: in Italia è necessaria una competenza a priori, che altrove è invece guidata da un percorso dettagliato e oneroso. Ne discende la necessità di una preparazione specifica e della costruzione di strumenti operativi, anche empirici, per effettuare le necessarie preliminari valutazioni di massima.

Questo corso le fornisce, in abbondanza, e il docente Dott. Alessandro Merlino, consulente e formatore per la salute e sicurezza sul lavoro, si mostra approfondito conoscitore della materia, con suggerimenti e metodi di approccio funzionali alla corretta valutazione del rischio da rumore nelle diverse anche ingannevoli situazioni.

E’ inoltre un corso particolarmente godibile per la numerosità di esempi, aneddoti e casistiche illustrati, oltre che per gli aspetti specifici anche inattesi che la materia offre.

continua la lettura:

ARTICOLO_RISCHIO_RUMORE

Condividi:

Nel nostro avvincente viaggio fra storie di BIM, simili fra loro ad un livello epidermico ma profondamente uniche se “ascoltate” con attenzione, oggi siamo ospiti di una delle più grandi industrie di prefabbricazione in Italia che, nell’arco di alcuni anni, ha implementato diversi aspetti della materia ed altri ne ha, all’orizzonte.

Il primo aspetto è l’interazione con i Progettisti: per proporre una propria soluzione, il prefabbricatore riceve un progetto architettonico e/o uno strutturale ed è agli stessi professionisti che propone una propria ingegnerizzazione del progetto oltre che del cantiere. Come avviene questa parte in BIM?

Un attimo dopo aver condiviso gli aspetti tecnici con i Professionisti, occorre fare una offerta al Committente e come, se non con il livello 5D (costi), si può gestire meglio l’estrazione delle quantità da un Modello BIM?

A questo punto subentra il calcolo strutturale ed il modello BIM deve interagire col modello FEM: quali sono i colli di bottiglia e le soluzioni, realizzate o potenziali di interazione fra i due mondi: a monte, per tradurre un modello BIM in un modello FEM e, a valle, dei postprocessor, per popolare di armature gli oggetti “vuoti” del modello BIM?

Arrivati alla produzione quali procedure, realizzate e/o in fase di sviluppo, sopravvengono per la creazione degli esecutivi, dal modello BIM ora popolato di armature e per il passaggio delle informazioni di dettaglio al gestionale?

Ed infine, per la gestione del cantiere, cosa se non il livello 4D (tempi) abbinato ad un Gantt può accompagnare in maniera più efficace la logistica, il montaggio e l’interazione con le altre lavorazioni contestuali?

Per dare una risposta a queste domande, fra quelle possibili, incontriamo l’Ing. Marco Bifulco, Project & BIM Manager della Manini Prefabbricati S.p.A. di Santa Maria degli Angeli (PG).

Livio Izzo

Delegato CNI in UNI Comm. BIM

continua la lettura:

BIM_Stories_02_Manini

Condividi:

Gennaro Guala aggiunge alcune personali considerazioni – nate in parte da letture, in parte da esperienze professionali, in buona parte generate da stimoli esterni – attorno alla mitizzazione che oggi si tende a fare dell’I.A. Qualche paginetta scritta in modo discorsivo, quasi rilassante, che ne facilita la lettura e toglie loro qualsiasi velleità dogmatica.

Anna Manzoni

continua la lettura:

Intelligenza_artificiale_e_Società

Quarteroni
Condividi:

La commissione tecnica UNI/CT 033/SC 05 ha elaborato la guida UNI “Guida alle norme per le costruzioni digitali – La parte 0 della UNI11337” per interagire con le norme relative alla gestione in BIM, al fine di supportare ogni operante nel processo edilizio, dal committente al gestore dell’opera, nella gestione digitale delle costruzioni.

Il documento permette di orientarsi sul pacchetto normativo a disposizione, a partire dalla norma nazionale per eccellenza che regola il BIM, la serie UNI 11337. Essa si rivolge a tutti gli attori del processo edilizio, soprattutto progettisti e stazioni appaltanti, e si applica a tutti gli interventi edilizi, comprese le infrastrutture.

La guida è divisa in tre sezioni:

Parte 1: viene descritto cosa si intende per BIM e gestione digitale delle costruzioni, quale vantaggio potrebbe derivare da questo percorso di innovazione, chi c’è dietro al lavoro normativo e come riconoscere le norme che ricadono ai sensi del regolamento europeo.

Parte 2: viene fornito l’approfondimento alle principali norme sul BIM in particolare la serie UNI 11337 e la serie UNI EN ISO 19650. Nel testo è presente una mappa concettuale sul pacchetto normativo e ciascuna norma è descritta secondo i parametri di scopo, a cosa serve, quando usarla e chi la dovrebbe usare.

Parte 3: nella parte finale, la guida si conclude con un glossario dei termini e definizioni sul BIM, compresi gli acronimi e la relativa traduzione inglese.

Questo importante documento offre una fotografia sulle norme attualmente in vigore e che possono essere usate fin da subito, e sarà costantemente aggiornata con le nuove norme che verranno pubblicate in futuro.

UNI

continua la lettura:

BrochureBIM2024-1
Condividi:

Nel nostro viaggio fra le diverse applicazioni del BIM, oggi visitiamo una organizzazione che fà ampio uso dell’HBIM, alias Historical BIM, che la BP&P di Torino applica prevalentemente agli edifici storici di pregio, facendoli rivivere per restituirli alla Città. Nel suo caso, a Torino ed a Milano.

E’ l’aspetto operativo della Riqualificazione Urbana che, come Sito Culturale dell’OIB, abbiamo già affrontato con altri contenuti perchè ci coinvolge a tutti i livelli di scala…… e sicuramente molto anche a livello cittadino.

In questa intervista, all’Arch. Grillo ed all’Ing. Rampino, si affronta il tema a livello sia operativo che imprenditoriale.

Livio Izzo

continua la lettura:

Articolo BP&P
Condividi:

E’ assolutamente normale, nella ns organizzazione del lavoro, che un Produttore, o Fabbricante nella terminologia europea, abbia dei fornitori e/o dei subappaltatori ma la catena è spesso così lunga e complessa che non sempre è chiaro come si ripartiscono le incombenze, le responsabilità, i requisiti tecnico organizzativi e le certificazioni.

Questo comporta un impegno da parte degli stakeholder di commessa, fra cui il Committente, il Progettista, il DL ed il Collaudatore, ad interfacciarsi con le varie figure in maniera appropriata, sapendo cosa hanno diritto di chiedere e come valutare quanto gli viene consegnato in termini di appropriatezza, congruenza etc.

Da qui scaturisce questa mia intervista all’ingegnere Igor Menicatti che segue questi temi da molti anni come Responsabile della Certificazione di Prodotto in ICMQ Spa.

Ing. Livio Izzo

N.B. L’intervista, molto complessa e completa, è stata splittata da Il Giornale dell’Ingegnere in due parti. La presente è la seconda delle due

continua la lettura:

Igor_Menicatti_ICMQ_2
Condividi:
replica Rolex replica watch