Filtra le notizie di tuo interesse
< TORNA INDIETRO
ARTICOLI - Innovazione tecnologica e organizzativa

E’ incredibile ma in Italia solo un terzo della Plastica differenziata viene riciclata!

3 Dicembre 2020 - Livio Izzo

La notizia fà piangere! Siamo diventati così bravi a differenziare che come minimo ci aspettiamo un cambiamento climatico imminente per i nostri sforzi! Poi a Bergamo, al Nord…… ci sentiamo, a buona ragione, dei cittadini modello anche perchè differenziare costa fatica! E noi lo facciamo su una spinta razionale perchè vogliamo salvare, se non il mondo, almeno il mare, gli oceani da quella valanga di plastica…… E invece no! ben il 67% della plastica che differenziamo non è recuperabile come materia prima seconda! Si, ben due terzi!

E’ quanto si può leggere in uno studio realizzato nel dipartimento di ingegneria civile e ambientale del Politecnico di Milano, coordinato dal Prof. Mario Grosso, che ci ha gentilmente concesso di pubblicare il loro articolo.

A pesare è la presenza massiccia di plasmix, ovvero un materiale plastico misto per il quale NON ESISTONO FILIERE STRUTTURATE DI RICICLO. E non finisce qui! Sebbene questo scarto potrebbe “almeno” essere recuperato come calore nei termovalorizzatori, ben il 19% di questo materiale viene conferito in DISCARICA (!!!???) “a causa della difficoltà di trovare altri sbocchi” (!!!???).

Insomma, invece di essere in un’isola felice, scopriamo che c’è ancora tanta strada da fare, che siamo solo all’inizio del percorso e che deve passare ancora molto tempo prima di capire che NON BASTA DIFFERENZIARE MA BISOGNA ANCHE INDUSTRIALIZZARE IL PERCORSO DEL RICICLO e qui servono ingegneri, industriali lungimiranti e politici con uno sguardo lungo.

 

Ing. Livio Izzo
Referente del Consiglio presso la
Commissione Ambiente ed Ecologia

 

P.S. Oltre all’articolo scientifico del Poli, allego anche l’articolo giornalistico che mi ha fatto scoprire questa miniera di informazioni. Ho chiesto ed ottenuto il permesso dall’Editore di allegarlo perchè magari può stimolare anche qualcun’altro ad approfondire questo affascinante e poco noto argomento.

 

CONTINUA LA LETTURA:

 

 

Condividi: